Statuina Re magio Baldassarre con la testa tagliata – 1.1.2023

Siamo purtroppo costretti a rendere noto l’ennesimo atto vandalico contro il patrimonio ed i simboli del nostro Quartiere.

A distanza di un anno, è ancora il presepe della nicchia di Porta Nuova, ad essere stato preso di mira. La statuina decapitata è, come un anno fa, quella del re magio Baldassarre (ma lo scorso anno non fu l’unica).

Stessa modalità e stessa decapitazione del re magio, come si può vedere dalle foto della nostra segnalazione dello scorso anno (a questo link).

La statuina è stata subito aggiustata domenica 1 gennaio e rimessa al proprio posto.

Dispiace constatare che ci sia chi, (anche) per Capodanno, non abbia niente di meglio da fare che andare a tagliare le teste delle statuine del presepe.

In questo caso non si tratta di un atto di profanazione verso la simbologia religiosa del presepe stesso, bensì di un ‘semplice’ dispetto (chiamiamolo così…) ai Canneti. Un atto vandalico (questo è il nome giusto) che segue – con la stessa metodologia (e stessa mano?) – altri atti vandalici, come i danneggiamenti ai presepi degli anni scorsi (e furti di statuine comprese); ai danneggiamenti a bandiere e pali di Porta Nuova; al danneggiamento e vilipendio della nostra bandiera alla vigilia dell’ultimo Barbarossa; al danneggiamento perpetuato nel tempo di parti del Trabucco di Porta Nuova, o calpestamento dei teli in occasione dello smontaggio dopo l’ultimo Barbarossa.

Senza dimenticare, ovviamente, la distruzione della madonnina di Via dei Canneti, nello scorso mese di settembre, prontamente riacquistata e riposizionata grazie all’intervento del parroco Don Pier Luigi Colleoni e la generosità di tanti sanquirichesi.

Come abbiamo detto più volte, senza rispetto per il proprio Quartiere non c’è rispetto per la Festa del Barbarossa; e senza rispetto per la Festa non c’è rispetto per gli altri Quartieri. Buon anno.