Photo by Jonny Clow on Unsplash

Sarà l’eclissi più lunga del ventunesimo secolo, durerà infatti oltre 100 minuti. E l’eclissi totale di luna di questa sera, venerdì 27 luglio, ‘luna di sangue’, sarà molto visibile dall’Italia. Per cui tutti con il naso all’insù: la totalità dell’eclissi si dovrebbe raggiungere tra le 21.30 e le 23.15 circa, con il culmine previsto tra le 22.20 e le 22.25.

Ma per gli amanti di astronomia, di cielo e di stelle, magari muniti di un buon telescopio, potrà essere un momento per provare a scorgere anche la nostra stella, si la stella che dal 1° gennaio 2001, ovvero all’alba del Terzo Millennio, è denominata Dragone dei Canneti. Ah, perché c’è chi non lo sapeva che i Canneti qualche anno fa si erano fatti intitolare persino una stella?

La costellazione Camelopardalis (della Giraffa) dove si trova la stella Dragone dei Canneti (Foto di www.ivreastrofili.it)

La stella è la ex numero 09435601277 che fa parte della costellazione di “Camelopardalis” (Giraffa), con le coordinate celesti RA = 05h43m53.42s D = 73d45’18.90″ MV = 11.5, è stata ribattezzata – ormai 17 anni fa – con il nome di DRAGONE DEI CANNETI, per la quale possediamo e conserviamo tanto di certificazione. Una stella che avrà l’eternità tale nome, visto che è registrato al copyright USA valevole per l’intero pianeta “Your Place in the Cosmo”, attraverso l’International Stars Registry, presente nel “Registro Universale della Volta Celeste” depositato in Svizzera e nel “Hubble Star Catalog” di New York.

Non è cosa da poco se pensiamo che ogni astronomo, dilettante e non, quando scruterà il cielo in quella direzione potrà declamare il nostro nome. E proprio per chi volesse guardarsela con un telescopio (può bastare anche un potente binocolo in quanto, da calcoli in nostro possesso, si trova a circa 330 LY da noi) ma non è un esperto, ricordiamo che i numeri identificativi suddetti sono riferiti all’anno 2000 e che sulle carte si trova alla numero 1, Regione Circumpolare Nord. In pratica subito sotto la Stella Polare, fra Cassiopea e Ursa Major, dopo Auriga e prima di Cepheus. Per chiarezza ulteriore la nostra stella Dragone dei Canneti non si trova, come detto, nella costellazione del Draco. La stessa citata nel celebre film Dragonheart, che lo ricordiamo facendo nostra una frase, che ogni cannetino dovrebbe conoscere a memoria. “E quando nei giorni tristi ci sembrerà di aver smarrito la giusta via, ci basterà alzare gli occhi al cielo, noi che sappiamo dove guardare: la stella di Draco sarà là a guidare i nostri passi“.